Gazzetta Ufficiale n. 13 del 17 gennaio 2023, Legge 13 gennaio 2023 n. 6 di conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 18 novembre 2022, n. 176, recante misure urgenti di sostegno nel settore energetico e di finanza pubblica (Decreto aiuti quater).

ubblicata in Gazzetta Ufficiale n. 13 del 17 gennaio 2023, la Legge n. 6 del 13 gennaio 2023 di conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 18 novembre 2022, n. 176, recante misure urgenti di sostegno nel settore energetico e di finanza pubblica (Decreto aiuti quater).

Tra le principali novità introdotte dal Decreto Aiuti quater si segnalano:

Cessione del credito bonus edilizi – Aumentano da 2 a 3 le cessioni del credito tra i soggetti qualificati. Pertanto, le cessioni dei crediti derivanti dai bonus edilizi diventano 5: la 1° cessione può essere fatta a qualunque soggetto e poi si potrà procedere con altri 3 passaggi a favore di soggetti “qualificati” (banche, intermediari finanziari etc.)

Benefit aziendali–Innalzato il limite per l’esenzione fiscale dei fringe benefit aziendali fino a tremila euro.

Proroga credito d’imposta alle aziende contro il caro energia – Il termine passa dal 30 giugno al 30 settembre 2023 per la compensazione del credito d’imposta relativo al sostegno delle imprese per i maggiori costi di energia elettrica e gas.

Sostegno PMI fondo venture capital – Le risorse del Fondo di sostegno al venture capital potranno essere utilizzate anche per le PMI e Start Up innovative. Il limite massimo di finanziamento ottenibile da ogni impresa sarà calcolato sul totale concesso e non su singola iniziativa.

Imprese e caro bollette – Le imprese potranno richiedere ai fornitori la rateizzazione degli importi dovuti relativi alla componente energetica di elettricità e gas naturale (per un massimo di 36 rate).

Superbonus – È stata anticipata la rimodulazione al 90% per le spese sostenute nel 2023 per i condomini ed è stata introdotta la possibilità di accedere, anche per il prossimo anno, al beneficio da parte dei proprietari di abitazioni singole sotto una determinata soglia di reddito.

Esenzioni in materia di imposte – Per il settore dello spettacolo non è dovuta la seconda rata IMU per gli immobili, a condizione che i proprietari siano anche gestori delle attività.

Sempre in Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il testo coordinato, che è stato redatto dal Ministero della giustizia al solo fine di facilitare la lettura sia  delle  disposizioni del decreto Aiuti quater, integrate con le modifiche apportate  dalla  legge di conversione, che di quelle modificate o  richiamate  nel  decreto, trascritte nelle note.

Il provvedimento entra in vigore dal 18 gennaio 2023.

FONTE

in https://www.dirittobancario.it/

 

(2)