Corte di giustizia UE, Sez. IX, 14 dicembre 2023, C‑28/22 – Pres. Spineanu-Matei, Rel. Rodin- Nullità della clausola abusiva e limiti al diritto di ritenzione

La Corte di Giustizia UE, con sentenza del 14 dicembre scorso, pronunciata nella causa C-28/22, TL,WE c. Curatore fallimentare della Getin Noble Bank S.A., ha fornito importanti precisazioni in ordine alla possibilità del professionista (banca) di condizionare la ripetizione delle prestazioni del consumatore, ricevute in esecuzione del contratto di mutuo ipotecario dichiarato nullo, alla ripetizione delle controprestazioni ricevute dal consumatore.

In particolare, la Corte si è pronunciata in via pregiudiziale ordine all’interpretazione degli artt. 6 e 7 della Direttiva 93/13/CEE, concernente le clausole abusive nei contratti stipulati con i consumatori, in relazione ad un triplice profilo:

  1. la possibilità per il professionista di far valere un diritto di ritenzione delle prestazioni che ha ricevuto dal consumatore, a garanzia della ripetizione delle controprestazioni ricevute dal consumatore.
  2. la diversa decorrenza, per il professionista e per il consumatore, del termine di prescrizione dei crediti derivanti dalla nullità del contratto contenente clausole abusive.
  3. l’obbligo per il professionista di verificare se il consumatore sia a conoscenza degli effetti dell’eliminazione delle clausole abusive contenute in un contratto di mutuo ipotecario.

Il diritto di ritenzione del professionista

Secondo la Corte, gli artt. 6 e 7 della Direttiva 93/13 non consentono l’applicabilità di un diritto di ritenzione delle prestazioni ricevute dal consumatore, a garanzia della ripetizione, in favore del professionista, delle prestazioni del consumatore stesso, se l’effetto di tale ritenzione comporta la perdita del diritto di percepire interessi di mora da parte del consumatore.

Pertanto, qualora un contratto di mutuo ipotecario concluso con un consumatore da un professionista sia dichiarato nullo in conseguenza dell’abusività delle clausole abusive ivi contenute, il professionista che subordini la restituzione delle prestazioni che ha ricevuto dal consumatore al pagamento delle prestazioni in suo favore, sarà in ogni caso tenuto a versare al consumatore anche gli interessi di mora, decorrenti dall’invito di quest’ultimo alla restituzione delle prestazioni già pagate in esecuzione del contratto nullo.

La decorrenza del termine di prescrizione

La Corte ha affermato che gli artt. 6 e 7 della Direttiva 93/13/CEE non consentono un’interpretazione del diritto nazionale per cui, in seguito all’annullamento di un contratto di mutuo ipotecario concluso con un consumatore, per abusività di alcune clausole ivi contenute, il termine di decorrenza della prescrizione dei crediti del professionista e del consumatore siano asimmetrici.

Infatti, se per il consumatore tale termine inizia a decorrere prima della data in cui un giudice constati l’inopponibilità definitiva di tale contratto, mentre per il professionista decorre prima di tale accertamento, si produce un’asimmetria tale da compromettere la tutela di detto consumatore garantita dalla direttiva 93/13.

Rileva la Corte che tale asimmetria potrebbe indurre il professionista, a seguito di un reclamo stragiudiziale del consumatore, a rimanere inattivo o a protrarre la fase stragiudiziale prolungando le trattative, affinché scada il termine di prescrizione dei crediti del consumatore.

In tal caso, infatti, il termine previsto per i propri crediti, inizierebbe a decorrere solo dalla data in cui l’inopponibilità definitiva del contratto di mutuo ipotecario di cui trattasi fosse accertata da un giudice.

Si continui a leggere in

FONTE

https://www.dirittobancario.it/

 

(2)