Corte di Cassazione Sentenza 19/03/2024 n. 7337 Fallimento Oggetto Cancellazione dei gravami da parte del giudice delegato ex art. 108 l.fall. – Ambito applicativo – Liquidazione concorsuale dell’attivo – Fondamento – Subentro del curatore nel contratto preliminare ai sensi dell’art. 72, ult. comma, l.fall.- Esclusione.

e Sezioni Unite Civili – pronunciando su contrasto e, comunque, su questione di massima di particolare importanza – hanno affermato il seguente principio:

«Nel sistema della legge fallimentare l’art. 108, secondo comma, prevede il potere purgativo del giudice delegato in stretta ed esclusiva consonanza con l’espletamento della liquidazione concorsuale dell’attivo disciplinata nella Sezione II del Capo VI secondo le alternative indicate nell’art. 107, perché in essa il curatore esercita la funzione di legge secondo il parametro di legalità dettato nell’interesse esclusivo del ceto creditorio mediante gli appositi procedimenti destinati al fine; mentre è da escludere che la norma possa essere applicata – e il potere purgativo esercitato dal giudice delegato – nei diversi casi in cui il curatore agisca nell’ambito dell’art. 72, ultimo comma, legge fall. quale semplice sostituto del fallito, nell’adempimento di obblighi contrattuali da questo assunti con un preliminare di vendita.».

Si continui  a leggere in

FONTE

https://www.cortedicassazione.it/

 

(1)